Home / Attualità / Borsa mediterranea del Turismo archeologico, prima giornata record per la regione Calabria

Borsa mediterranea del Turismo archeologico, prima giornata record per la regione Calabria

borsa mediterraneaSuccesso di presenze allo stand istituzionale della Regione Calabria nel corso della prima giornata della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico; svoltasi nella suggestiva location del Parco Archeologico di Paestum e del Centro Espositivo Savoy Hotel. Ad aprire i lavori l’Assessore regionale all’Istruzione e alle attività culturali della Regione Calabria, Maria Francesca Corigliano; che ha incontrato gli studenti dei corsi di Laurea in Scienze Turistiche e Valorizzazione dei sistemi turistico-culturali e Archeologia dell’Università della Calabria. Questi ultimi animano lo spazio dedicato alla Calabria accompagnati dal direttore dei corsi e da alcuni docenti. Sono stati omaggiati della preziosa Guida Archeologica della Calabria Antica scritta da Mollo; che certamente sarà un ottimo riferimento nel proseguo degli studi considerando le caratteristiche specifiche delle materie oggetto di studio.

A seguire, nella Sala Velia, la presentazione del libro scritto dall’archeologo dell’Università di Messina, prof. Fabrizio Mollo: Guida Archeologica della Calabria Antica. Assieme all’autore, il prof. Gioacchino Francesco La Torre, Docente Università di Messina, e l’Assessore Maria Francesca Corigliano. Non solo una guida ma anche un libro di storia che racconta dell’uomo, sin dalla sua comparsa in Calabria settecentomila anni fa e del suo insediamento. Un appassionato racconto delle civiltà del Mediterraneo che hanno attraversato e popolato la Calabria; dalle coste alle aree interne. 13 itinerari raccolti nel volume destinato ai calabresi e ai tanti turisti e visitatori, nazionali e internazionali; che ogni anno scelgono la Calabria quale meta delle loro vacanze grazie ai prodotti turistici offerti.

BORSA MEDITERRANEA, GRANDE PARTECIPAZIONE ANCHE ALL’INCONTRO IN MEMORIA DEL PROF. ROMA

Il turismo culturale è sicuramente diventato il fiore all’occhiello della regione; soprattutto perché destagionalizzante e perché contribuisce, anche nei mesi estivi, a decongestionare le coste a favore di un turismo più sostenibile. Grande partecipazione da parte di visitatori, esperti archeologi e studenti, anche all’incontro organizzato da Regione Calabria in memoria del Prof. Giuseppe Roma, archeologo e docente dell’Università della Calabria, recentemente scomparso. L’Assessore Corigliano, assieme a Adele Coscarella, prof.ssa di Archeologia presso l’Università della Calabria, hanno ricordato i successi accademici e di ricerca del Professore alla presenza della Famiglia Roma. Per l’Assessore Corigliano “non poteva esserci un ricordo più bello e completo, era come avere il prof. Roma, con la sua storia e umanità, presente tra di noi.

Grazie per questo ricordo partecipato alla moglie Pina e al figlio Giovanni, che ci hanno concesso questo momento di emozione ma anche di recupero di quello che è stato il percorso di uno studioso che ha speso tutte le proprie energie per l’Archeologia e che ha formato tanti studenti con passione e con competenza”.

Commenta

commenti