Home / Attualità / Bevacqua: la Santelli lavori per potenziare i laboratori, non per aprire scontri istituzionali

Bevacqua: la Santelli lavori per potenziare i laboratori, non per aprire scontri istituzionali

“Quando si esercitano ruoli di responsabilità è necessario avere la coscienza degli effetti che si possono produrre diffondendo messaggi in relazione a questioni non ancora chiare”

bevacquaIl capogruppo del Pd in consiglio regionale Domenico Bevacqua sottolinea che “è da più tempo che chiediamo alla Regione di attivarsi per potenziare i laboratori e accreditarne di nuovi, affinché possa essere soddisfatto il processamento di tutti i tamponi effettuati. Ed oggi lo ribadiamo con maggiore forza, sia per evitare l’ennesima immagine negativa della Calabria sia, soprattutto, per restituire tranquillità ai calabresi. Anziché esercitarsi in ordinanze estemporanee finalizzate soltanto ad accentuare (a beneficio di chi?)  uno scontro fra Stato e Regione, la Presidente Santelli avrebbe fatto e farebbe bene a occuparsi dell’adeguamento delle capacità quantitative laboratoriali rispetto ai numeri dell’emergenza, con particolare riferimento ai rientri dei corregionali fuori sede. Intendiamoci: noi non siamo di quelli che giocano sull’allarmismo. Noi siamo di quelli che sono pienamente coscienti del fatto che, quando si esercitano ruoli di responsabilità istituzionale, è necessario avere la coscienza degli effetti che si possono produrre diffondendo messaggi in relazione a questioni non ancora chiare.

La prudenza e l’equilibrio risultano essenziali ancora di più quando si vivono momenti straordinari come quello attuale. E questo vale sia per chi è maggioranza, sia per chi è minoranza. Le nostre comunità – conclude Bevacqua – si attendono soluzioni e non aumento delle preoccupazioni. Chi è all’opposizione ha il compito non solo di vigilare e di tenere alta la guardia ma, forse ancor di più, ha il compito di avanzare proposte per fare bene e meglio. Questo è ciò che il PD regionale sta quotidianamente facendo. Non è la visibilità mediatica che ci interessa, ma la concretezza”.


Commenta

commenti