Home / Attualità / Bevacqua : così Giunta e maggioranza si fanno male

Bevacqua : così Giunta e maggioranza si fanno male

bevacqua

Bevacqua

Bevacqua : Registro con non poca meraviglia che è stato depositato stamattina un progetto di legge teso alla riforma dei Consorzi di bonifica, a firma dei colleghi Mirabello e Romeo. La meraviglia non nasce di certo dall’iniziativa in sé e per sé. La funzione legislativa pertiene pienamente a ciascun consigliere.

Il problema nasce dal fatto che l’amico Romeo è capogruppo PD. Non può non sapere che proprio ieri, nella seduta della IV Commissione da me presieduta. Il referente della Giunta, consigliere delegato Mauro D’Acri. Ha presentato un testo sulla medesima materia che, per quanto concerne i contributi fondiari, va in direzione quantomeno diversa.

Orbene, nella mia qualità di presidente della Commissione Ambiente. Unitamente e con la condivisione dei miei colleghi, sto portando avanti da diverso tempo un lavoro di approfondimento e di ascolto di tutti i soggetti interessati alla tematica.

BEVACQUA GIUNTA E MAGGIORANZA SI FANNO MALE

Anche sulla base del testo proveniente dall’Esecutivo regionale. Si era giunti a un primo punto fermo che aveva ed ha la finalità di contemperare, in maniera ponderata, le diverse esigenze dei diversi attori presenti sui territori.

Mi sembra palese che qualcosa non funzioni nel rapporto. E nella positiva dialettica fra Giunta e maggioranza consiliare, perché delle due l’una. O il consigliere delegato D’Acri non rappresenta la volontà dell’esecutivo. Oppure il capogruppo Romeo si muove in allegra libertà senza tenere conto dei doveri che ineriscono al suo ruolo.

Comunque sia, non è mia intenzione tenere dietro alle improvvisazioni e alle acrobazie di chicchessia. Atteso che ognuno di noi dovrebbe avere ben presente le più elementari norme di correttezza istituzionale, chiedo la convocazione di una riunione di maggioranza. Alla presenza del presidente Oliverio, per chiarire quanto sta accadendo e dare, così, un senso alla nostra azione di governo.​

Commenta

commenti