Home / Breaking News / Bevacqua: nessuno può giocare a impedire la fusione Corigliano-Rossano

Bevacqua: nessuno può giocare a impedire la fusione Corigliano-Rossano

bevacquaFusione Corigliano-Rossano, seriamente preoccupato dal rallentamento subito dalla procedura. A dichiararlo è il consigliere regionale Mimmo Bevacqua. Che annuncia la sua presenza a Rossano il 30 dicembre per tenere una conferenza stampa che faccia il punto sull’iter. “Non vorrei davvero – dichiara ancora Bevacqua – che qualcuno si fosse messo in testa di mettere in atto azioni strumentali di melina. Volte a ritardare o, addirittura, impedire la realizzazione della volontà di migliaia di cittadini; da tempo impegnati nel perseguire un occasione irrinunciabile di rilancio e di sviluppo. Nel corso dell’ultima seduta della Commissione Affari Istituzionali – continua Bevacqua – è stato ribadito che la proposta di legge di fusione dei Comuni deve essere approvata entro 60 giorni dalla pubblicazione sul Burc dell’esito del referendum.

BEVACQUA: CALENDARIZZAZIONE E APPROVAZIONE DELLA LEGGE NEI TERMINI DELLA NORMATIVA

Pertanto, le richieste di audizione dei Sindaci e gli approfondimenti indicati dal Settore Legislativo dovranno essere condotti nel pieno rispetto dei termini. Il collega Sergio, presidente della I Commissione, ha assicurato che si procederà in modo celere. Senza dilazioni che possano pregiudicare i ristretti tempi a disposizione. E non ho motivo per dubitare della sua volontà. Da parte mia – conclude Bevacqua – mi farò carico di una richiesta al vice presidente della Giunta, Prof. Viscomi, e al presidente del Consiglio, Nicola Irto. Affinché siano predisposti a approntati tutti i necessari strumenti per far sì che la calendarizzazione e approvazione della legge istitutiva del Comune unico avvenga nei termini della normativa vigente.

Anche perché, in caso contrario, resterebbe pendente la consultazione elettorale cui Corigliano sarebbe chiamata. I cittadini si sono espressi, il loro sguardo è diretto con coraggio al futuro: a nessuno è consentito disconoscere il volere da loro espresso ed io sarò fra quelli che non lo consentirà”.


Commenta

commenti