Home / Attualità / Bevacqua auspica un tavolo istituzionale immediato sulla sanità

Bevacqua auspica un tavolo istituzionale immediato sulla sanità

bevacqua

«La Cittadella preferisce nascondere la testa sotto la sabbia. Cosa aspettano la Giunta regionale e il Dipartimento Salute per prendere atto delle quotidiane grida di allarme che salgono da tutti i presidi sanitari calabresi?  Bisogna aprire immediatamente un tavolo istituzionale per capire come intervenire e sollecitare alle doverose assunzioni di responsabilità la struttura commissariale. La professionalità del personale è calpestata, il diritto alla salute è negato: davanti a questa marea montante il silenzio del governo regionale è assordante».

È quanto dichiara il Capogruppo PD in Consiglio regionale, Domenico Bevacqua, il quale aggiunge: «Vediamo da tempo le immagini dell’ospedale di Lamezia depauperato di mezzi e di risorse umane, oppure assistiamo al rischio di scomparsa del servizio 118 dalla Sibaritide e all’assenza totale  del servizio sull’alto Tirreno cosentino, o  ancora registriamo gli appelli del nosocomio di Castrovillari: e l’elenco potrebbe continuare a lungo ma, davanti a un Commissario che dispone assunzioni di personale in misura assolutamente insufficiente, la presidente Santelli e il super dirigente Bevere non battono ciglio. Fra le altre criticità, non risulta alcuna iniziativa organica per predisporre una rete idonea di misure e di presidi nel malaugurato caso di una seconda ondata dell’emergenza Covid”. “Tutto pare affidato alla buona sorte e alla Provvidenza – conclude Bevacqua –  mentre ci si trastulla con iniziative estemporanee di dubbia utilità per i calabresi. Come se la Calabria potesse vivere di soli spot emozionali. I calabresi sono perfettamente consapevoli della bellezza della loro terra: vogliono viverci nella piena garanzia dei diritti. Chiederò nei prossimi giorni un incontro formale al commissario Cotticelli e al Direttore Generale Bevere per sapere se e come ritengano opportuno intervenire, prima che si raggiunga il punto di non ritorno».


Commenta

commenti