Home / Breaking News / Bevacqua: approvata nuova legge sul servizio idrico

Bevacqua: approvata nuova legge sul servizio idrico

bevacquaRelazionando in Consiglio regionale, il consigliere Mimmo Bevacqua si è detto “particolarmente soddisfatto di aver presentato in Consiglio una legge che doterà la Calabria, finalmente, di una normativa organica e completa sul servizio idrico. Che copre il ciclo delle acque dalla captazione al consumo. Il testo della nuova legge sul Servizio Idrico Integrato è frutto di un lavoro sinergico. Fra l’esecutivo regionale, la Commissione da me presieduta e gli Enti e i soggetti attori portatori di interessi. Coinvolti attraverso numerose audizioni. Attraverso l’istituzione dell’Autorità idrica della Calabria (AIC), viene, innanzi tutto, riconosciuto e garantito il governo pubblico dell’acqua. L’AIC è rappresentativa di tutti i Comuni calabresi e della Città Metropolitana. I quali tutti vi partecipano obbligatoriamente. Senza percepire alcun gettone o indennità. Alle Province viene affidato il coordinamento territoriale.

BEVACQUA: PROGRAMMAZIONE E’ SOLO IL PRIMO PASSO

La volontà di questa maggioranza è, infatti, quella di garantire sul territorio una governance il più possibile partecipata. Tale da produrre condivisione e responsabilizzazione. Altro punto qualificante di questa legge – sottolinea Bevacqua – risiede nell’aver previsto un Comitato consultivo degli utenti del servizio e dei portatori di interesse. Come garanzia, tutela e controllo della qualità del servizio da parte dei cittadini fruitori. La finalità complessiva di questa nuova normativa è quella di garantire un consumo responsabile, controllato e virtuoso delle risorse idriche. Si tratta di un ulteriore strumento di programmazione che questo Consiglio riesce a produrre in questa legislatura. Ben sapendo, però, che la programmazione è solo il primo passo, ma non basta.

Bisogna dare risposte immediate e concrete perché, se non riusciamo a incidere, in breve tempo, sulle tariffe e sui servizi, il lavoro legislativo rischia di essere inefficace rispetto al soddisfacimento delle esigenze prioritarie dei calabresi. A tal proposito, il prossimo appuntamento obbligato sarà la soluzione definitiva del problema Sorical, con tutte le criticità connesse, e credo proprio si tratti di una questione della quale saremo chiamati a occuparci da qui a breve”. “Legiferare bene – conclude Bevacqua – si deve e si può: vorrei, pertanto, che tutti consiglieri, a partire da me stesso, sapessimo fare tesoro del modello di azione politica rappresentato da questa nuova normativa: propositivo, lungimirante, privo di qualsiasi interesse che non sia quello dei cittadini calabresi”.

Commenta

commenti