Home / Attualità / Bevacqua: allargare la fusione dei Comuni dell’area ionica

Bevacqua: allargare la fusione dei Comuni dell’area ionica

bevacqua

Bevacqua

Bevacqua : apprezzo e condivido la proposta legislativa del collega Graziano, mirante alla realizzazione di un Comune unico che comprenda Rossano e Corigliano.
Ritengo essenziale, però, allargare l’orizzonte e, pertanto, faccio mia la richiesta del Sindaco di Cassano allo Ionio. Il quale ha annunciato la prossima adozione da parte del Consiglio comunale di un atto specifico, mediante il quale il suo Comune chiederà di essere compreso nel procedimento di fusione in questione.

L’espressione di volontà manifestata deve essere presa nella dovuta considerazione, quantomeno in relazione all’assegnazione di un tempo congruo, affinché il detto Comune possa perfezionare quanto anticipato dal primo cittadino. Pertanto, essere inserito nel processo legislativo non ancora avviato.
Credo fermamente, infatti, che la limitazione attuale sia estremamente riduttiva rispetto alle potenzialità dell’area ionica, capaci di sostenere l’avvio di un’ampia area urbana che potrebbe ridefinire la geografia economica e sociale non solo della Calabria ma dell’intero Meridione.
BEVACQUA: LA FUSIONE 
Per questo rivolgo il mio appello anche ai Sindaci di Trebisacce e Villapiana, perché raccolgano la sfida e avviino l’opportuna riflessione finalizzata all’adesione al procedimento in atto: questo è il tempo. E’ questo il momento di progettare il futuro attraverso una scelta strategica che produrrebbe la benemerita “rivoluzione dal basso” da tanti auspicata, da pochi perseguita.
L’estensione dell’area di accorpamento sarebbe il riconoscimento della evidente omogeneità della medesima, del suo patrimonio culturale, storico, archeologico, ambientale, delle possibilità insite nel suo tessuto sociale ed economico.
Il percorso della fusione di Comuni rappresenta oggi uno strumento prezioso e lungimirante per il rilancio dei territori, potendo garantire gli assetti istituzionali più rispondenti alle esigenze dei cittadini e ai bisogni di sviluppo della società, nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza, economicità e riduzione della spesa pubblica. Salvaguardando, nel contempo, le singole identità.
La Grande Città dello Ionio rappresenta una sfida entusiasmante alla quale i soggetti territoriali legittimati devono avere il coraggio e il diritto di contribuire.

Commenta

commenti