Home / Attualità / Basta Vittime 106: Pugliese, presidente dell’associazione fino a settembre

Basta Vittime 106: Pugliese, presidente dell’associazione fino a settembre

statale 106Di seguito la nota stampa dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Nell’ambito dell’importante,Consiglio Direttivo che ha avuto luogo nella serata di ieri, l’associazione è pervenuta  ad una serie di determinazioni che è necessario comunicare.

Il Consigliere Fabio Pugliese, su richiesta del Direttivo, rientra nella carica di Presidente ritirando la sospensione presentata nei giorni scorsi.

L’Associazione comunica la sospensione di tutte le iniziative già organizzate dal primo maggio 2018 fino al primo giugno 2019 senza esclusione alcuna.

L’impossibilità di poter partecipare a tutte le iniziative ed agli incontri istituzionali (anche in seno alle Prefetture dove abbiamo, fin qui, svolto regolarmente il nostro ruolo secondo statuto nell’ambito degli Osservatori sulla S.S.106), con la conseguente necessità di dover utilizzare una selezione rispetto ad iniziative ed incontri a cui sarà invitata fino a data da stabilirsi.

BASTA VITTIME 106: GLI ALTRI PUNTI DECISI DAL DIRETTIVO 

L’Associazione azzera ogni evento/progetto stabilito per il prossimo triennio.

L’Associazione disdice con effetto immediato la propria adesione/iscrizione/partecipazione in seno ad altre Associazioni

Avvia già da subito uno snellimento della struttura organizzativa interna all’Associazione. Questa misura, seppure ciò non riguarderà la sola Area di Comunicazione, vedrà il Settore Segnalazione ed Esposti diventare solo Settore Segnalazione mentre il Centro Analisi e Ricerca sarà da oggi solo Centro di Ricerca;

 Infine, è prevista per settembre l’Assemblea Ordinaria dei soci al fine di poter valutare l’operato del Presidente e di tutti gli attuali componenti del Direttivo.

 L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, a tal proposito, già nei prossimi giorni inizierà una lunga rendicontazione circa il proprio operato negli ultimi 4 anni anche al fine di poter far rielaborare ogni singolo intervento avvenuto attraverso l’impegno ed il lavoro costante ed infaticabile dei volontari tutti e del Consiglio Direttivo.

Commenta

commenti