Home / Attualità / ECO-ECONOMIA – Bando Invitalia: rimborso spese per l’acquisto di Dispositivi di protezione individuale

ECO-ECONOMIA – Bando Invitalia: rimborso spese per l’acquisto di Dispositivi di protezione individuale

Oggi il commercialista Domenico Pisano ci spiega come accedere al bando per l’acquisto di mascherine, guanti, tute, termoscanner e detergenti

Invitalia interviene con l’emanazione di un proprio bando per il “rimborso delle spese sostenute dalla imprese per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale”.

Dott. Domenico Pisano

L’art. 43 del decreto “Cura Italia” del 17 marzo 2020, ha previsto…  “Allo scopo  di  sostenere  la  continuità,  in  sicurezza,  dei processi produttivi delle imprese, a seguito dell’emergenza sanitaria coronavirus,  l’INAIL  provvede  entro  il  30  aprile   2020   a trasferire ad  Invitalia l’importo di 50 milioni di  euro  da  erogare alle imprese per l’acquisto di  dispositivi  ed  altri  strumenti  di protezione individuale…”.INVITALIA – agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.a., conseguentemente ha pubblicato il relativo bando.Come si evince da predetto “Bando” le spese devono essere sostenute dal 17/03/2020 data di pubblicazione del D.L. 18/2020 (Cura Italia) fino alla data di presentazione della domanda che per quanto riguarda la richiesta di prenotazione non può andare oltre il 18/05/2020.Possono accedere al beneficio del rimborso spese per DPI le imprese indipendentemente dalla forma giuridica e dall’attività esercitata purché risultanti attive nel R.I., con sede in Italia  e non sottoposte a procedure concorsuali.Le spese ammissibili devono riguardare l’acquisto di DPI (dispositivi di protezione individuale) la cui elencazione prevista riguarda:

  1. Mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  2. Guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  3. Dispositivi per protezione, quali tute e/o camici;
  4. Calzari e/o copricapi;
  5. Dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  6. Detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

La spesa ammissibile non può essere inferiore ad € 500,00, ovviamente risultante da fattura con pagamento tracciabile.

Il rimborso della spesa è previsto in € 500,00 per addetto dell’impresa con un tetto massimo di € 150.000,00.

Per la presentazione della domanda sono previste tre fasi:

Fase 1: prenotazione del rimborso –  attraverso il sito https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/emergenza-coronavirus, da effettuarsi a partire dall’11 maggio 2020 fino al 18 maggio 2020, dalle ore 9:00 alle ore 18:00. Sul sito sono reperibili anche le istruzioni operative.

Fase 2:  Pubblicazione elenco delle prenotazioni del rimborso –  sul medesimo sito verrà pubblicato, entro tre giorni dal termine finale per l’invio della prenotazione, l’elenco delle prenotazioni in ordine cronologico sulla base dell’orario di arrivo.

Fase 3: Compilazione e istruttoria della domanda di rimborso – le imprese che risultano collocate in posizione utile per ricevere il beneficio, come da fase 2, devono procedere a compilare la domanda, con procedura informatica sul sito,  a partire dalle ore 10:00 del 26 maggio 2020 fino alle ore 17:00 dell’11 giugno 2020.

L’iter di presentazione della domanda, come indicato nel bando, è così articolato:

  1. a) accesso alla procedura informatica;
  2. b) immissione delle informazioni e dei dati richiesti per la compilazione della domanda e caricamento dei relativi allegati;
  3. c) generazione del modulo di domanda in formato “pdf”, contenente le informazioni e i dati forniti dal proponente, e apposizione della firma digitale;
  4. d) caricamento della domanda firmata digitalmente e conseguente rilascio di un’attestazione di avvenuta presentazione della domanda, con indicazione della data e dell’ora di presentazione.

Nei successivi dieci giorni è prevista la pubblicazione da parte di INVITALIA del provvedimento cumulativo di ammissione al rimborso.

La procedura si concluderà con l’erogazione del rimborso, come da provvedimento di ammissione, sul c/c indicato dall’impresa nella domanda inviata.

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.invitalia.it.

Dott. Domenico Pisano


Commenta

commenti