Home / Attualità / Bagnato: importante sostegno a categorie svantaggiate

Bagnato: importante sostegno a categorie svantaggiate

corigliano rossano

Il Commissario Prefettizio di Corigliano Rossano Domenico Bagnato

Sociale, il Forum del Terzo Settore nell’ambito socio assistenziale è, ad oggi, di fatto, l’unico settore unificato dopo la fusione degli originari comuni di Corigliano e di Rossano. Un rappresentante farà parte del tavolo tecnico comunale per essere portavoce e rappresentare le esigenze e le esperienze delle organizzazioni aderenti.

Nei giorni scorsi obiettivi, numeri e specializzazioni delle organizzazioni di volontariato che operano sul territorio sono stati presentati da Ranieri Filippelli, Franco Polimeni e Mario Amica, rispettivamente portavoce e membri del coordinamento del Forum del Terzo Settore, dell’ambito Socio Assistenziale di Corigliano Rossano, al Commissario Prefettizio, il Prefetto Domenico Bagnato, ed alla dirigente del settore Diritti Sociali Tina De Rosis.

Durante l’incontro Bagnato ha colto l’occasione per complimentarsi con i rappresentanti per i tempi brevi con cui è stata realizzata l’unificazione in un settore importante e li ha ringraziati per l’impegno portato avanti nel campo socio-assistenziale. Il Prefetto ha sottolineato l’importanza di promuovere e sostenere iniziative a favore di categorie svantaggiate. Il Commissario, infine, ha espresso l’auspicio che quanto fatto da quello socio assistenziale venga presto realizzato anche per altri settori.

Nel corso dell’incontro sono state presentate le novità introdotte dalla riforma del Welfare che vede il Forum del Terzo Settore come partner della pubblica amministrazione nella co-programmazione e co-progettazione di tutti i piani a tutela delle categorie svantaggiate. È stato posto l’accento sulla grave situazione in cui versano tante organizzazioni di volontariato che erogano servizi socio assistenziali a disabili, anziani e minori. Molte di esse sono tuttavia a rischio chiusura a causa delle basse diarie giornaliere ferme agli anni ’90 con tariffe mai aggiornate, a causa della mancata riforma del welfare calabrese ferma da ben 19 anni. Il Forum ha invitato i rappresentanti istituzionali a sostenere le istanze, già inoltrate alla Regione Calabria, affinché quest’ultima approvi in tempi rapidi la nuova riforma del welfare.

Commenta

commenti