Home / Attualità / Bagnato chiede lo stato di calamità per la mareggiata di San Valentino

Bagnato chiede lo stato di calamità per la mareggiata di San Valentino

L’arenile oggi a Sant’Angelo (Immagine tratta da facebook)

A fronte della violenta mareggiata che settimana scorsa ha colpito Corigliano-Rossano il Commissario Prefettizio Bagnato, con i pieni poteri della giunta comunale, ha chiesto al presidente della Giunta regionale Mario Oliverio che venga dichiarato lo stato di calamità. La forte mareggiata che ha interessato la città unica tra il 13 e 14 febbraio ha provocato ingenti danni alle attività balneari. Tramite una nota stampa si è venuto a sapere che da alcuni sopralluoghi è emerso che oltre all’erosione del litorale sono stati depositati sulle strade urbane di Schiavonea, Fabrizio, Pirro Malena, Momena, S. Angelo, Galderate, Torre Pinta, Zolfara e Fossa ingenti quantità di detriti che hanno ostruito i fossi di scolo e la foce dei torrenti.


Commenta

commenti