Home / Attualità / Attualità: nessuna donna nel neo costituito Consiglio Provinciale cosentino

Attualità: nessuna donna nel neo costituito Consiglio Provinciale cosentino

DI SAMANTHA TARANTINO

consiglio provincialeArchiviata l’elezione per il Presidente della Provincia e il rinnovo del Consiglio Provinciale, nella conta dei nomi degli eletti, mancano quelli del gentil sesso. Si perché il nuovo consiglio provinciale cosentino sarà costituito da soli uomini, come quello uscente del resto. Eppure  su 88  candidati, si poteva contare su ben 18 presenze femminili, candidatesi in 6 delle 7 liste.

CONSIGLIO PROVINCIALE: LE LISTE E LE  CANDIDATE DONNE 

Nella lista Provincia Democratica su ben 16 candidati uomini, tra cui l’uscente presidente Di Natale, era presente anche la candidata Monica Sabatino.  Nella lista IDM, risultano i nomi di tre candidate. Anna Valentina Marino con 198 voti, Sabrina Pacenza con 755 voti e Maria A. Pandolfi con 66 voti.Tutta al maschile invece Liste Civiche Unite. Cosenza Azzurra aveva candidato Dorella Zinga, con 0 voti. La lista il Coraggio di Cambiare vanta ben 5 donne.

Serena Carrozzino con 923 voti, Anna Pia Cerbino con 277, Teresa Mastrota con 449 voti, Orena Ventura con 134 voti e Antonella Blandi con 298 voti. La lista Nuova Provincia ha candidato 4 donne. Elvira Campana, con 730 voti, Luisa Fuorivia con 44 voti, Antonella Leone con 750 voti e Maria Pia Serranò con 739 voti. E infine la lista più corta La Provincia che Vuoi che ha diviso i suoi componenti, esattamente a metà (4 donne e 4 uomini). Antonella Elda Cosenza con i suoi 1252 preferenze è la candidata più votata.

Giorgia Garofalo e Carmela Martucci con 88 voti e Yole Sposato, seconda tra le candidate più votate con 1107 preferenze.

CONSIGLIO PROVINCIALE: LA SVEZIA E’ IL PAESE CON PIU’ DONNE IN PARLAMENTO
CONSIGLIO PROVINCIALE

Parlamento Svedese

Nel nostro Parlamento, le donne rappresentano circa un terzo dei componenti delle due Assemblee, il 31% (ndr). Il dato ci pone nelle parti alte delle classifiche dei paesi con più parlamentari donne. Tuttavia, ci rendiamo conto che la strada per una reale equità di presenze è ancora da completare. I paesi del Nord Europa, ad esempio, si confermano con il numero più elevato di presenze femminili nei Parlamenti. Su tutti spicca il 43,6 per cento delle donne nel Parlamento della tutta rosa Svezia. A seguire la Finlandia. Un Nord Europa dunque, che della parità di genere nei ruoli amministrativi e cariche elettive, ne ha fatto un vanto.

CONSIGLIO PROVINCIALE: LE DONNE NELLA POLITICA ITALIANA
CONSIGLIO PROVINCIALE

Nilde Iotti

consiglio provinciale

Tina Anselmi

In Italia, le norme che garantiscono la presenza delle donne politica risalgono al 1948, quando entrò in vigore la Carta Costituzionale. Le donne da allora hanno ricoperto molte cariche importanti. Nilde Iotti, fu la prima donna nella storia dell’Italia repubblicana a ricoprire la presidenza della Camera dei deputati (1979-1992, tre legislature). La Iotti con  Tina Anselmi furono esempi in cui si coniugavano professionalità ed eleganza.  Da quel 30 gennaio del 1945, quando le donne conquistarono il diritto al voto, di strada ne è stata fatta. Tuttavia, il percorso è ancora lungo e ricco di ostacoli.

Commenta

commenti