Home / Attualità / Artigianato, la Regione Calabria si affida ad Amazon

Artigianato, la Regione Calabria si affida ad Amazon

CATANZARO Il prossimo 29 settembre, a partire dalle ore 15, nella sede della Cittadella, si svolgerà l’incontro di presentazione e di avvio del progetto che prevede la collaborazione tra la Regione e “Amazon Italia”, finalizzato all’internazionalizzazione dell’artigianato calabrese. Si tratta – informa una nota della Regione – di un evento molto importante, voluto e promosso dall’assessore allo Sviluppo economico, Carmela Barbalace, per la commercializzazione delle produzioni artigianali calabresi e quindi per tutto il “Made in Calabria”.
Il gruppo “Amazon” curerà e terrà un seminario formativo per gli operatori del settore, con la partecipazione di Sr. manager marketplace “Amazon Italia”. La collaborazione con un colosso come “Amazon“, una delle più grandi aziende di commercio elettronico, rappresenta un passaggio determinante per la proiezione del “Made in Calabria” nel mondo.

barbalace - amazon

 

LE DICHIARAZIONI DELL’ASSESSORE: LA COLLABORAZIONE CON AMAZON DETERMINANTE

«Innovazione e internazionalizzazione: sono queste le parole-chiave – ha detto l’assessore Barbalace – che il settore dell’artigianato italiano e, in particolare, quello calabrese, devono seguire per creare ricchezza e valore. Le imprese calabresi hanno risentito, come tutte le altre regioni, della crisi. Quelle, però, che hanno resistito meglio e che hanno saputo trasformare le difficoltà in opportunità sono le imprese che hanno rivolto l’attenzione ai mercati esteri e che hanno inserito, all’interno dei loro processi produttivi, sistemi innovativi, non solo negli aspetti produttivi, ma soprattutto per la commercializzazione».
Per tutto ciò, la collaborazione con “Amazon” diventa determinante per competere e superare le sfide che ci vengono poste dai mercati tradizionali e nuovi, rappresentando l’opportunità reale per accrescere il business delle imprese del “Made in Calabria”, senza venire ingoiati e cancellati dalla crisi.

(fonte: corrieredellacalabria.it)

Commenti