Home / Attualità / Arcidiocesi Rossano-Cariati si prepara a Via Crucis

Arcidiocesi Rossano-Cariati si prepara a Via Crucis

arcidiocesi rossano-cariatiSarà San Lorenzo del Vallo ad ospitare la via Crucis dell’ Arcidiocesi Rossano-Cariati. Uno degli appuntamenti maggiormente significativi e di condivisione della chiesa diocesana.  Con l’approssimarsi della Pasqua la Diocesi di Rossano-Cariati si è messa in cammino. Per giungere all’appuntamento seguendo un percorso di intima riflessione, confronto e dialogo. Le celebrazioni hanno avuto avvio con la Santa Messa delle Ceneri. E si concluderanno con l’accoglienza dei fedeli provenienti dall’intera diocesi per giorno 31 marzo a partire dalle ore 20.  Le meditazioni delle singole stazioni saranno curate dalla Consulta delle Aggregazioni laicali diocesana. Mentre i canti e l’animazione musicale dalla Vicaria di Cariati. Tema affrontato nelle meditazioni sarà quello relativo alla “Vita da accogliere”. Che e’ anche il filo conduttore della nuova stagione della “Vita in Cattedra”. Progetto curato sempre dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali.

ARCIDIOCESI ROSSANO-CARIATI, SCELTA DI SAN LORENZO NON CASUALE

La scelta di San Lorenzo del Vallo non giunge a caso. Ma vuole essere un ulteriore segno di vicinanza della Chiesa diocesana a questa realtà che ha subito numerose ferite. Proprio per questo motivo l’ultima stazione della Via Crucis si terrà all’interno del cimitero. Dove lo scorso mese di novembre madre e figlia furono spietatamente uccise. Il cimitero, quindi, visto non come luogo di morte, ma di rinascita delle anime. Per altro in questi giorni, sempre a San Lorenzo , si sta svolgendo la “missione popolare”. Animata dalle suore provenienti dalle diverse comunità religiose presenti in diocesi, dai presbiteri e dai laici. Che stanno visitando le famiglie e portando la Parola di Dio nella case di ognuno. A ricordo e segno tangibile di questa vicinanza e partecipazione di cuore, la Diocesi ha donato un crocefisso. Che è stato posizionato sull’altre della chiesa di San Lorenzo Martire

Commenta

commenti