Home / Breaking News / Antoniotti: sindaco s’impegni contro chiusura ludoteca

Antoniotti: sindaco s’impegni contro chiusura ludoteca

antoniottiCommentando l’annuncio della prossima chiusura del servizio di ludoteca civica, promossa dall’Associazione Il Sasso nello Stagno, Rossano Prima di Tutto, Giuseppe Antoniotti sottolinea come Rossano non possa “perdere un presidio educativo che negli ultimi trent’anni ha sostenuto la crescita di centinaia di ragazzi; togliendoli dalla strada e sottraendoli alle devianze sociali. Per questo è necessario che il sindaco attui ogni azione possibile per evitare la chiusura della Ludoteca. Tutte le Amministrazioni comunali, dal 1987 ad oggi, hanno sempre sostenuto, anche con interventi straordinari, le attività proposte dall’associazione. E sarebbe davvero imperdonabile per la nostra comunità trovarsi senza un’entità così importante per il sostegno e la formazione dei giovani.

È giusta la promozione del territorio – commenta Antoniotti –. Ma a che serve spendersi per dare lustro alla Città se poi al suo interno inizia a cadere a pezzi a causa di un’azione amministrativa poco attenta? O, in alcuni casi, del tutto assente? Le politiche per il sociale non possono essere delegate agli uffici. Vanno seguite, incoraggiate e sempre ampliate. Lo dico da sempre. E l’annunciata chiusura della ludoteca civica non è altro che la punta di un iceberg di un sistema burocratico-amministrativo deficitario e che a Rossano sembra aver preso il sopravvento sugli organi deputati al governo. Le istituzioni non possono fermarsi di fronte alla fredda logica dei numeri e dei tagli, consigliati dai burocrati. Le istituzioni e la politica hanno il compito e il dovere di trovare soluzioni lì dove soluzioni sembrano non essercene.

ANTONIOTTI: NON TOLLERERO’ CHE QUESTA REALTA’ CESSI 

Da Sindaco e, ancor prima, da Assessore – aggiunge il Capogruppo di RpT – sono stato sempre attento. Affinché i ragazzi della nostra città potessero avere sempre uno spazio sociale nel quale confrontarsi, giocare, dialogare ed avere il conforto o il sostegno perenne degli educatori. Centinaia di bambini e giovani sono cresciuti all’ombra della ludoteca tanto che essa appartiene, senza ombra di dubbio, alla storia sociale della nostra Città. E non tollererò – precisa – che questa realtà cessi di esistere per l’inerzia dell’attuale Amministrazione comunale.

Negli anni del governo del Centro Destra abbiamo fatto l’impossibile per reperire i fondi e finanziare l’attività formativa, ludica e di sostegno. Non solo, consapevoli dell’importanza del loro servizio, ci siamo impegnati affinché l’associazione potesse avere una sede più idonea e adeguata che poi trovammo nell’attuale sede di Villa Labonia. Oggi tutto questo potrebbe perdersi per i soliti intoppi e i cavilli che presentano i burocrati. La politica e le Istituzioni cittadine – si chiede in conclusione Antoniotti – che fanno?”

Commenta

commenti