Home / Breaking News / Antoniotti: ferita Tribunale ancora aperta

Antoniotti: ferita Tribunale ancora aperta

antoniottiChiusura Centro Medico Legale Inps di Rossano, Giuseppe Antoniotti addita i parlamentari calabresi di disattenzione. Il Capogruppo di Rossano Prima di Tutto invita non sventolare conquiste non proprie. Soprattutto alla luce del fatto che la chiusura del Tribunale di Rossano è una ferita ancora aperta e sanguinante. “Se il Centro medico legale dovesse, come auspichiamo, rimanere operativo sarà un risultato del territorio. Che potrà essere avocato solo ed esclusivamente a quanti, in questi mesi, si sono impegnati concretamente. Per sollevare la questione ed evitare l’ennesimo ed ingiustificato scippo ai danni della nostra Città e del territorio. C

ANTONIOTTI: LORO DIMENTICANO NOI NO!

È curioso come qualcuno, soprattutto negli ambienti cosentini, cerchi sempre di appropriarsi meriti (che non ha). Per quei rari i risultati che il territorio della Sibaritidedell’Area urbana Corigliano-Rossano, di fatto, riesce a raggiungere solo per la sua esclusiva forza d’animo. Dimenticando, poi, che da “vittoriosi patrioti” si trovavano puntualmente nelle cabine di regia. Quando ci veniva tolta nottetempo l’allora direzione Asl di Rossano. O ancora quando si tentò di trasformare Bucita nella pattumiera del Meridione. E non ultimo quando venne decretata la vergognosa chiusura del Tribunale di Rossano. Loro dimenticano, noi no!

Se oggi Rossano ed il territorio riescono a mantenere il Centro medico legale dell’Inps non è sicuramente merito di chi, attraverso un’interrogazione parlamentare, ha la presunzione di aver risolto il problema! Anche perché il parere del Governo è del tutto marginale nelle scelte manageriali assunte dalla direzione di Inps. Dunque, se volessimo ridurre meschinamente la questione Inps alle “mostrine” da portare sul petto, è ovvio che i meriti andrebbero attribuiti a chi si è mosso anzitempo e nella giusta direzione. Il problema reale resta il deficit di servizi e diritti. Soprattutto per la grande indifferenza che continua a mostrare il Governo nazionale. Con la complicità della deputazione calabrese, verso i continui disagi a cui sono costretti i cittadini di del comprensorio ionico.

Commenta

commenti