Home / Breaking News / Antonio Russo: su di me ricostruzioni fantasiose

Antonio Russo: su di me ricostruzioni fantasiose

antonio russoProvinciali di Cosenza, Antonio Russo sindaco di Crosia replica alle recenti polemiche piovute sulla presunta mancanza di dialogo del primo cittadino. “Le rispedisco ai mittenti – si legge nella nota -. Come sempre si dimostrano incoerenti e visionari. Non avendo ben chiaro il significato di termini come “democrazia” e “civiltà”, amano comunque riempirsene la bocca. Per dare un senso di platealità alla loro attività politica inconcludente e contraddittoria. Non scalfendo minimamente la mia integrità e dignità politica. Mi si accusa di non aver garantito confronto democratico nel corso dell’ultima assise civica. Un consiglio convocato per discutere di un’unica atavica questione, ancora irrisolta. Che riguarda il disagio di diverse decine di residenti coinvolti in un contenzioso tra due privati.

ANTONIO RUSSO: PROCEDURE DELL’ENTE REGOLARI

Una storia ben nota alla cittadinanza. E sulla quale l’Amministrazione comunale, per quelle che sono le sue competenze, a tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico, è intervenuta. Dopo l’autonoma chiusura, ad opera di una delle due parti in causa, al traffico veicolare e pedonale, della strada di completamento tra Via Martin Luther King e Via Kennedy, infatti, l’Amministrazione comunale ha emesso un’ordinanza di riapertura della stessa via. Ordinanza che è stata impugnata dai privati interessati. Ma puntualmente confermata dal TAR che ne ha rigettato la richiesta di sospensiva. A riprova della regolarità delle procedure e delle iniziative intraprese dall’Ente. Ma questa è storia. Ora si sta provvedendo, secondo le normative vigenti in materia, a completare l’iter di esproprio.

IL PD HA LA MEMORIA CORTA

Un progetto, – sottolinea il Sindaco – rientrante in quel processo di urbanizzazione, avviato dal precedente Esecutivo Russo nel lontano anno 2007. Poi interrotto dall’insediamento del Commissario prefettizio e che poi l’Amministrazione Aiello, targata PD, aveva favorevolmente ripreso. E votato per inserire il suddetto vicolo nel Piano Viabilità. Strana oggi questa contraddizione dello stesso PD. Che puntualmente ha memoria corta ed è incoerente con le scelte del passato! Detto ciò – sottolinea il Primo Cittadino – non solo ho ben spiegato e ricostruito nel corso dell’Assise tale problematica. Ma soprattutto, ho esercitato il mio ruolo di Presidente del Consiglio. Placando polemiche artatamente messe in atto dalla minoranza PD, e “dall’indeciso” Consigliere Filippelli. Solo per acuire l’astio tra i due privati in causa, che erano presenti all’Assemblea, e l’Amministrazione comunale.

SI CONFONDONO AFFARI PERSONALI CON L’ATTIVITA’ POLITICA

Allo stesso Filippelli ho concesso la parola per ben due interventi. Salvo poi, fermare il terzo, in applicazione del regolamento comunale. Che ho l’obbligo, ripeto, di far rispettare, in qualità di Presidente del Consiglio. Il problema è che, a mio avviso, c’è la cattiva abitudine di sacrificare il bene comune a fronte dell’interesse privato. E per questo chi agisce ed esercita la politica in tal modo, è portato a pensare che anche gli altri lo facciano. Confondendo iniziative e affari personali con l’attività politica. Ecco perché la bassezza delle illazioni nei confronti miei e della mia famiglia le rispedisco con forza al mittente. E aggiungo, che a differenza sua, che nelle ultime Elezioni Provinciali ha preso solo 3 voti. Il suo e di altri due consiglieri di comuni sotto i 3mila abitanti.

SI E’ COMPLETAMENTE ABDICATO ALL’IDEOLOGIA

Io sono stato il primo dei non eletti della mia lista, con 1400 preferenze. Pertanto, visto che lo stesso accusa me di non aver voluto “fare squadra” e rinunciare alla candidatura, credo che forse, per poter eleggere un Consigliere del nostro territorio, sarebbe stato opportuno che magari il passo indietro lo avesse fatto lui. Convergendo il suo unico voto su di me. Il contrario sarebbe stato molto più difficile! Non credo sia arduo da capire, basta un po’ di buon senso. Anche perché io che non ho “padrini politici occasionali” ho sempre lottato e difeso il territorio della Sibaritide. E lo dimostro quotidianamente con coerenza. A differenza di chi ha completamente abdicato all’ideologia e alla militanza politica di cui tanto vanta,. Schierandosi completamente dalla parte opposta.

Commenti
Inline
Inline