Home / Attualità / Annullo Filatelico a Paludi. Giovedì cerimonia di bollatura

Annullo Filatelico a Paludi. Giovedì cerimonia di bollatura

Nell’ambito del Programma di Filatelia dedicato ai Piccoli Comuni, che prevede la realizzazione di eventi di valorizzazione del patrimonio culturale dei territori anche attraverso i temi della filatelia e della scrittura, Poste Italiane e il Comune di Paludi – il paese del Parco Archeologico di Castiglione – celebrano il passaggio del Cammino Basiliano nel territorio paludese con uno speciale annullo filatelico.

Giovedì 20 agosto dalle 17.00 alle 23.00 presso il Centro Polifunzionale, in via G. Verdi, a Paludi, sarà possibile ottenere l’annullo dedicato.

Per l’occasione verranno presentate speciali cartoline edite in edizione limitata da Poste Italiane. Presenzieranno alla cerimonia di bollatura Concetta Maria Salerno – Operatore di Poste Italiane;  Francesca Bruni – Operatore di Poste Italiane; Stefano Graziano – Sindaco di Paludi.

In occasione della cerimonia, sarà presentato anche il Cammino Basiliano – il percorso di più di mille chilometri suddiviso in 44 tappe che attraversa borghi, frazioni e piccoli comuni della Calabria antica – a cura dell’associazione Cammino Basiliano. A questo proposito, interverranno il Sindaco di Paludi Stefano Graziano; l’Assessore Regionale Gianluca Gallo; il Consigliere Regionale Pietro Molinaro; Antonella Serpa dell’Associazione “A Piedi Liberi”; Flaviano Lavia, referente d’area del Cammino Basiliano; Mimmo Flotta, referente di zona del Cammino Basiliano; concluderà Carmine Lupia, il presidente dell’associazione Cammino Basiliano.

Presso lo stand di Poste Italiane, si potranno acquistare le più recenti emissioni di carte valori, insieme ai tradizionali prodotti di Poste Italiane: folder, cartoline, tessere, libri e raccoglitori per collezionisti.

Il timbro figurato sarà disponibile presso lo sportello filatelico per i centoventi giorni successivi all’evento; in seguito, sarà depositato presso il Museo Storico della Comunicazione di Roma per entrare a far parte della collezione dello Storico postale.


 

Commenta

commenti