Home / Attualità / Amministrative di Crotone: Magna Graecia indica il candidato a Sindaco Filippo Sestito

Amministrative di Crotone: Magna Graecia indica il candidato a Sindaco Filippo Sestito

Figura di alto spessore etico-morale, ha sposato sin dalle prime battute il progetto di lotta all’isolamento dell’arco jonico. Prossima una conferenza stampa per illustrare ogni singolo dettaglio

Il Comitato per la Provincia della Magna Graecia, dopo una serie di lunghe ed articolate interlocuzioni indica il candidato a sindaco che gareggerà per le amministrative di Crotone. Si tratta di Filippo Sestito, 53 anni, attivista politico e dirigente associativo. Filippo Sestito è da sempre impegnato in prima linea in temi delicati come la lotta alle mafie, il ciclo dei rifiuti, l’inquinamento ambientale, la tutela dei diritti civili. È stato tra i promotori di diversi movimenti e comitati a difesa del territorio “No Europaradiso”, “Terra, Aria, Acqua e Libertà”, “Rete per la Difesa del Territorio”, Comitato Verità democrazie e partecipazione, Crotone Pulita oltre ad aver organizzato campagne contro il nucleare, per l’acqua pubblica bene comune, contro le trivellazioni. È componente della Presidenza Nazionale dell’Arci e Responsabile Mezzogiorno Arci nazionale, nonché Direttore del Centro Servizi per il Volontariato “Aurora” di Crotone, animatore di molti movimenti sociali. Punto di riferimento di tantissime realtà del terzo settore provinciale e regionale.

Figura di spiccato spessore etico-morale, preparata e competente, Filippo Sestito ha aderito al Progetto Magna Graecia sin dalle prime battute. Ha creduto e crede in una visione di sviluppo del territorio diversa, di vero cambiamento e di straordinario rinnovamento per Crotone, per il Crotoniate e per l’intera area della Magna Graecia. Personalità di estremo equilibrio ed estro, Filippo Sestito saprà rappresentare, ai vari livelli, le istanze di Crotone e dei crotoniati, restituendo credibilità e dignità a un territorio relegato a ruolo periferico e marginale dai poteri deteriori centralisti.


 

 

Commenta

commenti