Home / Territorio / Amendolara / Amendolara, l’umanità umiliata nel Cas

Amendolara, l’umanità umiliata nel Cas

amendolara*dell’Associazione La Kasbah
“Se nessun documento, ci sparana, ucciderci” si legge su uno dei cartelli esposti dai migranti ospiti di uno dei Cas di Amendolara nel corso della protesta organizzata dagli stessi. Questa frase, riportata su diversi cartelli, potrebbe provocare una risata di scherno. Per via della sua forma grammaticale errata. Di significato enigmatico, a meno che non ci si soffermi a pensare al terrore che sta dietro a quella scritta. Mancanza di permesso di soggiorno, indefinita posizione giuridica, diniego da parte della commissione per il riconoscimento dello status di rifugiato, espulsione, rimpatrio all’inferno, bombe, spari, morte! Da oltre 6 mesi, infatti, i richiedenti asilo “accolti” all’interno dell’hotel Grillo sono in attesa di un pezzo di carta. Che legittimi la loro presenza in Italia. Li avevamo incontrati nel corso di una nostra visita nel mese di ottobre.

Le nostre foto e i video realizzati da diverse televisioni locali, avevano acceso i riflettori sull’Hotel Grillo, dove 120 migranti, tra cui 5 minori, erano stati parcheggiati dalla Prefettura di Cosenza, nel mese di settembre. L’accoglienza all’interno dell’hotel avrebbe dovuto essere temporanea, 3-4 giorni, per poi essere trasferiti in un vero e proprio centro di accoglienza dove avrebbero ricevuto tutti i servizi e l’assistenza previsti dalla legge. Solo a partire dal mese di gennaio 2017, però, l’hotel è diventato un Cas a tutti gli effetti. La gestione è stata affidata alla Pamag srl, società proprietaria della struttura, mentre da febbraio la parte amministrativa viene curata dalla coop. Villa Caterina. Secondo quanto riferitoci dagli stessi operatori di quest’ultima cooperativa, dal momento in cui è stato loro affidato l’incarico, stanno cercando di risanare una situazione che loro stessi definiscono disastrosa.

AMENDOLARA, SISTEMA COSCIENTEMENTE INEFFICACE

In tale situazione disastrosa risalta, dopo sei mesi di permanenza di alcuni, la mancanza di qualsivoglia documento. Eccetto il numero di riconoscimento che viene loro attribuito al momento dello sbarco. E questo nonostante il modulo C3 (modello con cui si verbalizza la richiesta di protezione internazionale da parte del migrante) sia stato consegnato dagli ospiti della struttura agli uffici preposti della Questura di Cosenza già a novembre scorso. Un’assoluta incertezza nei tempi di ricezione del conseguente permesso di soggiorno per richiesta di asilo. Che è, evidentemente, la diretta conseguenza di un sistema coscientemente inefficace e poco trasparente. Brillantemente impostato sulle solite e continue logiche emergenziali. Dietro a tutto questo, però, ci sono vite che altro non cercano che la speranza di un futuro migliore.

A tutto questo, si aggiungono le continue offese verbali con cui alcuni degli operatori della Pamag si rivolgono agli ospiti del centro. “Andate a dormire, animali. Spostatevi, animali. Venite a mangiare, animali”: pare sia questo il linguaggio “interculturale” utilizzato da parte di alcuni operatori nel rivolgersi ai migranti, secondo quanto riferito dagli stessi. Così come ci riferiscono che i vestiti che portano addosso, ora come a ottobre scorso, sono gli stessi che indossavano il giorno dello sbarco a Lampedusa: di fatto, un ragazzo indossa una maglietta completamente strappata, altri indossano vecchi pigiami di flanella e ciabatte di plastica ai piedi. Oggi, però, i migranti hanno alzato la testa. Hanno deciso, autorganizzandosi, di scendere in strada.

CIO’ CHE COLPISCE E’ LA DETERMINAZIONE NEL RIVENDICARE I DIRITTI

Provocano un moto di tenerezza le rivendicazioni scritte a caratteri cubitali sui cartelloni che portano attaccati al petto. Soprattutto perché a questi ragazzi è stata preclusa anche la possibilità di partecipare a un corso di lingua italiana. Ma ciò che colpisce maggiormente, è la determinazione nel rivendicare un diritto che fino ad ora è stato loro negato. Il presidio sulla strada provinciale viene sciolto, al termine di una lunga contrattazione con i carabinieri e gli ufficiali della guardia di finanza. E dopo essere riusciti a interloquire telefonicamente, per il tramite dei carabinieri, con i referenti prefettizi. In merito ai tempi di rilascio del loro permesso di soggiorno. I ragazzi decidono, quindi, di fare rientro nel Cas. A condizione che gli enti preposti consegnino loro i documenti entro dieci giorni. Dopodiché, torneranno in strada, più risoluti che mai, ci riferiscono salutandoci.

Fonte: Il Corriere della Calabria

Commenta

commenti