Home / Territorio / Amendolara / Amendolara: No Triv, chiesto un incontro a Renzi

Amendolara: No Triv, chiesto un incontro a Renzi

COMUNICATO STAMPA

Il sindaco di Amendolara, Antonio Ciminelli

Il sindaco di Amendolara, Antonio Ciminelli

Finalmente c’è qualcuno che ha il coraggio di affrontare a muso duro la politica del Governo in materia energetica. Ho molto apprezzato quanto ha dichiarato il Governatore della Puglia, Michele EMILIANO, in merito al via libera alle ricerche di idrocarburi in mare voluta da RENZI. “Renzi sta con le lobby del petrolio”. Così l’ex sindaco di Bari, sulle colonne del Fatto Quotidiano (articolo poi ripreso da L’Huffington Post). Emiliano ed io siamo su posizioni politiche diverse, però ci unisce la volontà di difendere il mare Jonio da un pericolo inimmaginabile.
È quanto ha dichiarato il sindaco di Amendolara, Antonello CIMINELLI, primo firmatario di un documento nel quale Comuni e associazioni chiedono di essere ascoltati dal presidente del Consiglio, Matteo RENZI, dal governatore Mario OLIVERIO, dal Presidente della Provincia di Cosenza, Mario OCCHIUTO e dal prefetto di Cosenza, Gianfranco TOMAO. Nella stessa lettera si fa menzione del ricorso che sarà presentato al Tar contro l’autorizzazione VIA concessa alla Enel Longanesi Spa per la ricerca di idrocarburi in mare.
Il Presidente della Regione Calabria, Mario OLIVERIO, segua l’esempio di EMILIANO – ha affermato il sindaco del Paese della Secca – e si opponga con forza ai diktat del suo segretario di partito nonché presidente del Consiglio. È un banco di prova in cui si misurerà l’autonomia e la volontà di Oliverio di difendere i suoi corregionali dagli attacchi del Palazzo.
Ci troviamo dinnanzi a uno spartiacque: o si sceglie di stare con le popolazioni oppure con le multinazionali. Non ci sono azioni intermedie e temporeggiamenti che hanno il sapore del politichese della peggiore specie. Sappia Matteo RENZI che noi non arretreremo di un millimetro rispetto alla battaglia che stiamo conducendo. E se il presidente del Consiglio non dovesse prestarci ascolto siamo pronti ad andare direttamente a Palazzo Chigi, magari insieme allo stesso EMILIANO.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*