Home / Territorio / Altomonte / Ad Altomonte protagonisti gli Zafarani cruschi

Ad Altomonte protagonisti gli Zafarani cruschi

altomonteTutto pronto per il secondo appuntamento della rassegna enogastronomica BOTTIGLIE SONANTI, in programma per SABATO 23, ad ALTOMONTE. Zafarani cruschi, olive nere e scaglie di baccalà; e ancora raschiatieddri (tipici gnocchi fatti a mano con acqua calda e farina) conditi con ragù di gallo, suino nero di Calabria con cicoriette e un fritto di mele aromatizzate alla cannella. Sono, questi, i prodotti autentici selezionati dalla Famiglia BARBIERI. Ad accompagnare i piatti, insieme alla chitarra battente di LOCCISANO TRIO, saranno i vini di SERRACAVALLO.  Sulle colline della Valle del CRATI, dotata di attrezzature moderne e di una grande barricaia per l’affinamento in botti di legno la Cantina di BISIGNANO (dal 2012 DOP Terre di Cosenza) usa una miscela di vitigni autoctoni e internazionali.

ALTOMONTE, GIA’ TANTE LE PRENOTAZIONI

Dopo il successo registrato nel primo appuntamento è tutto pronto nella fucina BARBIERI; interprete autentica dello spirito dei luoghi per continuare a far vivere all’ospite emozioni ed esperienze del terroir. Sono già tante le prenotazioni per il secondo appuntamento di SABATO 23.

Mezzo secolo fa, puntando direttamente sull’identità autentica e sullo spirito dei luoghi, l’esperimento BARBIERI prendeva forma attorno ad un prodotto e ad un piatto che erano simboli e sintesi di memoria. Presentati ed offerti al viaggiatore ed al visitatore come chiave di ingresso nel territorio, quegli stessi zafarani cruschi ai quali l’agrichef Enzo BARBIERI è riuscito in tutti questi anni a restituire dignità e prestigio su tutte le tavole sono diventati il vero e proprio brand di una concezione eco-sostenibile del turismo e dell’accoglienza che ha fatto storia e che continua a fare scuola.


Commenta

commenti