Home / Attualità / Alta velocità Sibari-Roma, Stasi incontra assessore regionale alle infrastrutture

Alta velocità Sibari-Roma, Stasi incontra assessore regionale alle infrastrutture

Sul portale di Trenitalia sarà possibile acquistare direttamente il ticket ferroviario in partenza da Corigliano Rossano

alta velocitàProficuo incontro tra il sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi  e l’assessore regionale alle infrastrutture Roberto Musmanno sull’opportunità rappresentata dall’ alta velocità Sibari Roma; una nuova linea ferroviaria ad alta velocità e con pochissime fermate che collegherà direttamente in quattro ore e dieci a Roma e poi al centro nord Italia. Il piano trasporti della nuova Città capace di garantire diritto alla mobilità ed intermodalità; alla luce della reale domanda da parte dell’utenza e di tutte le evoluzioni strutturali ed infrastrutturali intervenute negli ultimi 30 anni e che interverranno in futuro.

Un Frecciargento di Trenitalia tra quelli di ultima generazione (un ETR600, elettrotreno ad assetto variabile) con partenza dalla stazione ferroviaria di Sibari arriverà e ripartirà ogni giorno da Roma con quattro sole fermate intermedie: Paola, Scalea, Salerno e Napoli. Lo stesso treno proseguirà poi, senza alcun cambio, fino a Bolzano. Si tratterà, una volta operativo da metà settembre prossimo, del primo ed unico treno ad alta velocità destinato a collegare la Calabria direttamente oltre Roma. – Nell’esprimere all’assessore Musmanno la soddisfazione personale e dell’intera comunità per l’importante iniziativa messa in campo il Primo Cittadino coglie l’occasione per ringraziare tutta la rappresentanza parlamentare di questo territorio che si è impegnata in questa direzione.

“UN ALTRO RISULTATO IN CONTROTENDENZA RISPETTO AI TAGLI A CUI QUESTO TERRITORIO HA ASSISTITO FINO A OGGI”

Un altro risultato – continua il Sindaco – che seppur ancora non garantisce alla nostra comunità il diritto alla mobilità che merita, risulta anch’esso in controtendenza rispetto ai tagli ed alle decurtazioni alle quali questo territorio ha assistito fino ad oggi. I nostri concittadini, infatti, in attesa della ultimazione delle elettrificazione della rete ferroviaria ionica, potranno sin da subito partire dalle due stazioni ferroviarie di Corigliano e di Rossano con delle linee sostitutive di autobus in diretta coincidenza con la partenza del Frecciargento da Sibari. E’ infatti già stata chiesta ed ottenuta collaborazione con la IAS Scura, società già affidataria dei servizi di TPL in Città.

In questa ottica di unificazione del servizio e della linea jonica diretta e ad alta velocità per Roma, sul portale di Trenitalia sarà possibile acquistare direttamente il ticket ferroviario in partenza da Corigliano Rossano per Roma o fino ad ultima destinazione del Frecciargento e viceversa. Altra questione cruciale e strategica affrontata è stata quella relativa alla necessità di mappare la mutata domanda di trasporto pubblico locale della nuova, grande Città. L’obiettivo – spiega il Sindaco – è quello di ridisegnare e consegnare a servizio dell’intera utenza territoriale un piano trasporti, efficace, efficiente, sostenibile e moderno di una grande Città; che anche e soprattutto in termini di trasporti e mobilità interna deve diventare una città normale. Con mezzi, corse ed infrastrutture adeguate.

ANNUNCIATA INTERLOCUZIONE UTILE CON IL DIPARTIMENTO TRASPORTI DELL’UNICAL

Per la sua redazione – continua – ci si avvarrà della collaborazione di ingegneri ed esperti dell’Università della Calabria. E con l’adozione di questo strumento fondamentale – aggiunge il Primo Cittadino, annunciando sul punto una interlocuzione utile con il Dipartimento Trasporti dell’Unical – Corigliano Rossano potrà mettere in campo almeno il 40% di chilometri di trasporto pubblico locale (TPL) in più rispetto a quelli attualmente riconosciutigli. Corigliano Rossano passerà quindi dai 500.000 attuali ad almeno 800.000 chilometri che metteremo a gara per l’aggiudicazione delle corse; impegnandoci sin da ora – conclude Stasi – a richiedere nelle fasi ulteriori di attuazione del Piano altri necessari incrementi del monte chilometri per migliorare ancora di più servizi e mobilità interna ed esterna.


Commenta

commenti