Home / Breaking News / Alluvione Corigliano, ancora tutto fermo

Alluvione Corigliano, ancora tutto fermo

alluvioneSituazione invariata in tema di dissesto idrogeologico e relativamente agli interventi post alluvione 2015. È passato oltre un anno e mezzo ma le condizioni dei nostri territori continuano a versare in condizioni vergognose. Paghiamo le conseguenze di un ritardo divenuto ormai intollerabile. Bisogna accelerare ed intervenire concretamente sulle emergenze rimaste purtroppo insolute. Nonché sugli innumerevoli disagi sotto gli occhi di tutti. È quanto ribadisce l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Granata. Sottolineando, così come fatto più volte e in diverse occasioni anche dal Sindaco Giuseppe Geraci, l’urgenza di intervenire. In particolar modo,  sulla messa in sicurezza dei due torrenti Leccalardo  e Malfracato. A tutela dell’incolumità di cose e persone.

ALLUVIONE, GRANATA: PULIZIA DEI TORRENTI NON ANCORA EFFETTUATA

Ad oggi – dichiara Granata – le uniche risorse ottenute, sono quelle anche troppo contenute, della Protezione Civile. La pulizia dei torrenti non è stata effettuata. Nonostante le garanzie di Calabria Verde nell’ultima conferenza dei servizi di aprile 2016. E la situazione continua a rappresentare un vero pericolo per il territorio. Nulla è cambiato. Sia rispetto agli incontri precedenti, sia rispetto all’ultimo incontro tenutosi a Rossano nello scorso mese di ottobre 2016. Promosso dal presidente della commissione regionale ambiente e territorio Domenico Bevacqua. Finalizzato a confrontarsi proprio sulla situazione degli interventi e delle emergenze nella Sibaritide dopo l’alluvione che ha colpito le città di Rossano e Corigliano il 12 agosto 2015.

Commenta

commenti