Home / Attualità / Alloggi popolari Rossano, ripristinare legalità

Alloggi popolari Rossano, ripristinare legalità

alloggi popolariL’Assessore alle politiche sociali Angela Stella denuncia la situazione indecorosa e fatiscente degli alloggi popolari rossanesi. E invoca un’energica inversione di tendenza. Chiamando in causa il Commissario Straordinario dell’Aterp della Calabria, Ambrogio Mascherpa. E’ necessario programmare interventi di riqualificazione – si legge nella nota stampa comunale -. Procedere al censimento degli alloggi per contrastare occupazioni abusive. Intervenire sugli immobili e consegnarli esclusivamente agli avanti diritto. Ridefinire le graduatorie. Ripristinare decoro, legalità e fruibilità di un patrimonio oggi oggetto di soprusi. E infine arrivare ad una gestione congiunta del settore.

ALLOGGI POPOLARI, NECESSARIA INTESA CON L’ATERP REGIONALE

Per far ciò, serve un’intesa concreta e fattiva con l’Aterp Regionale e Provinciale. E ribadiamo l’impegno dell’Esecutivo Mascaro nel colmare un vuoto ereditato dal passato. L’assenza di un ufficio comunale casa. Atto a gestire con equità, buon senso ed efficacia la complessa situazione dei cosiddetti alloggi popolari. La denuncia è stata inviata, per conoscenza, anche al Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, al Presidente della Regione Mario Oliverio, al Questore di Cosenza Luigi Liguori, al Procuratore della Repubblica Mario Spagnuolo. L’obiettivo è quello di arrivare ad un protocollo d’intesa tra tutti i destinatari. Finalizzata a una gestione più efficace, efficiente e giusta.

Sono stati avviati numerosi sopralluoghi – scrive la Stella –. A seguito delle numerose richieste di aiuto che quotidianamente sopraggiungono agli uffici comunali da parte dei cittadini. Le case popolari versano in stato di abbandono, degrado ed illegalità. Alcune abitazioni assegnate sono state deturpate. Altre completate sono oggetto di barbare invasioni o addirittura occupate da terzi. Delle aree Aterp vengono usate per custodire animali o per il ricovero improvvisato di clandestini. Gli appartamenti legittimamente occupati sono ormai invivibili. Per l’assenza di manutenzione e dovrebbero essere dichiarate inagibili.

FAMIGLIE IN GRADUATORIA DA DECENNI

La Giunta Municipale – continua l’assessore – intende dare delle risposte concrete e subito. I cittadini  non possono più aspettare. Occorre rivedere le commissioni bloccate ingiustificatamente da anni! Ci sono famiglie in graduatoria da decenni. Bisogna avviare una corretta gestione degli immobili, delle procedure di verifica dei requisiti per la regolarizzazione dei rapporti abitativi. È necessaria un’analisi delle priorità degli interventi manutentivi e di ristrutturazione che deve veder impegnate le strutture tecniche ed amministrative di entrambi gli enti – conclude la Stella – per fronteggiare l’aggravarsi dell’emergenza abitativa dovuta al perdurare della crisi economica in cui versano le famiglie residenti nel territorio comunale.

Commenta

commenti