Home / Attualità / Abbandono e degrado a Schiavonea. La situazione è sempre più fuori controllo – FOTO

Abbandono e degrado a Schiavonea. La situazione è sempre più fuori controllo – FOTO

I cittadini di Schiavonea, popolosa e importante frazione marina all’interno del territorio coriglianese, sono nell’abbandono più totale. Diverse sono le problematiche segnalateci che riguardano spesso questioni che potrebbero pacificamente essere risolte con la manutenzione ordinaria. I problemi riguardano alcune delle via principali di Schiavonea. Via Vieste (già al centro della nostra attenzione per la questione del famigerato pozzo), questa è una delle arterie principali di Schiavonea dove è anche ubicato un plesso scolastico.

Via Barletta che collega Schiavonea alla 106, buona parte del lungomare, la zona “Perla Jonica” e Boscarello, anche quest’ultima molto trafficata perché di collegamento con la 106. I problemi che accomunano queste zone vanno dalla mancata potatura e ripulitura degli alberi come nel caso delle palme in piazzetta Portofino (o non fatta nel periodo consono come in altri casi), la pulizia dei marciapiedi che li rendono in alcuni casi letteralmente non percorribili con la presenza sempre più numerosa di rettili, serpenti e topi.

Nel caso specifico di Via Vieste, che ci interessa anche per l’ubicazione di una scuola primaria, gioca a favore del degrado non solo l’assenza dell’amministrazione ma anche l’incuria da parte di alcuni proprietari privati. Sempre su Via Vieste e Via Barletta ci vengono segnalate anche delle griglie di scolo evidentemente mal posizionate che creano rumori assordanti e quindi disturbo della quiete pubblica. Parliamo dunque di problemi, come dicevamo all’inizio, di facile risoluzione attraverso interventi ordinari, ma soprattutto in primis attraverso l’ascolto e la presenza da parte dell’amministrazione e nello specifico del Sindaco nei confronti di una frazione importante come quella di Schiavonea che in campagna elettorale ha dato a favore della sua elezione un contributo importante.

di Francesco Viteritti


 

Commenta

commenti