Home / agricoltura / “Proteggitalia” Piano Nazionale Per La Sicurezza Del Territorio, è matura la costituzione di un tavolo tecnico

“Proteggitalia” Piano Nazionale Per La Sicurezza Del Territorio, è matura la costituzione di un tavolo tecnico

Francesco Cufari, Presidente della Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Calabria interviene sulla promulgazione del Decreto firmato il 27 febbraio dal Presidente del Consiglio e relativo all’assegnazione delle risorse finanziarie, in particolare € 115.831.372,17 per la Calabria relativamente al triennio 2019-2021, che si inserisce nel Piano nazionale per la sicurezza del territorio, “ProteggItalia”.

Ritengo un primo passo fondamentale – afferma Cufari – la promulgazione del Decreto e accolgo con grande soddisfazione le parole del Presidente Oliverio che nel corso dell’ultima conferenza Stato-Regioni  ha sottolineato come priorità assoluta la necessità di disporre un programma di sistemazione idrogeologica per il nostro Territorio coinvolgendo anche i Professionisti a sostegno di questo progetto in quanto figure competenti e fondamentali.

I DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI DELLA CALABRIA HANNO SEMPRE EVIDENZIATO LO STATO DI UN TERRITORIO IN GRAN PARTE DIMENTICATO IN CUI VIENE MENO LA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLE SISTEMAZIONI IDRAULICO AGRARIE.

Da diversi anni è infatti mancata, quasi completamente, una seria e diffusa politica di prevenzione. È necessaria, quindi, una gestione più accorta del territorio, attraverso una pianificazione che abbia come primario criterio guida la sua gestione sostenibile e duratura. Sono necessari investimenti continui e congrui per la messa in sicurezza del territorio, per evitare, in primis, la perdita di vite umane, prevenire eventuali fenomeni di dissesto idrogeologico e ridurre lo stanziamento di fondi destinati a riparare i danni causati dagli eventi calamitosi.

Pertanto, nell’ottica di una logica di pianificazione partecipata e come più volte richiesto, è finalmente giunto il tempo di costituire urgentemente un tavolo tecnico di discussione e azione con tutti gli attori del comparto per affrontare le problematiche in atto e per la risoluzione delle stesse”.


Commenta

commenti