Home / Attualità / Emergenza migranti, via libera all’accordo Ue-Marocco

Emergenza migranti, via libera all’accordo Ue-Marocco

Geography matters – Inequalities in Access to Stroke Care and Innovation in Europe

Aldo Patriciello, europarlamentare molisano e membro del Partito Popolare europeo, commenta al termine della votazione con cui l’Eurocamera di Strasburgo ha approvato l’accordo di partenariato tra Unione europea e Marocco. Il testo, di cui è stato relatore lo stesso Patriciello, stabilisce i termini della partecipazione del Marocco al partenariato per la ricerca e l’innovazione nell’area del Mediterraneo, e mira sostanzialmente a favorire lo sviluppo e l’applicazione di soluzioni innovative per aumentare l’efficienza e la sostenibilità dei sistemi di fornitura e gestione di prodotti agroalimentari e acqua. 

“Il voto di oggi – ha dichiarato – è un grande passo in avanti per affrontare seriamente l’emergenza migratoria. Nessuno Stato membro può reggere da solo l’impatto di un problema di simili proporzioni: il coinvolgimento dei Paesi del Mediterraneo è fondamentale per cercare di risolvere alla radice le cause che spingono le persone ad abbandonare i loro Paesi.

PATRICIELLO: “COSÌ FERMEREMO LE PARTENZE DALL’AFRICA”

Sono molto soddisfatto e ringrazio tutti i colleghi che con il loro voto hanno permesso l’approvazione della mia relazione a larghissima maggioranza.  L’accordo tra Unione europea e Marocco – ha spiegato Patriciello fuori dall’emiciclo – è solo una parte di un progetto più ampio, che vede il coinvolgimento di ben 19 Paesi, tutti dell’area del Mediterraneo.

Siamo tutti consapevoli delle sfide che lo sfollamento forzato delle popolazioni dei Paesi mediterranei sta ponendo. L’accordo approvato oggi – ha detto l’eurodeputato azzurro – muove nella giusta direzione, affrontando di petto alcune delle cause profonde della migrazione, attraverso investimenti importanti destinati a quell’area. Credo sia necessario affrontare i problemi cercando di rimuovere le cause principali – ha concluso Patriciello –  piuttosto che subirne passivamente le conseguenze o, peggio ancora, isolarsi in un protezionismo fine a se stesso e fuori dal tempo”.

Commenta

commenti