Home / Attualità / Il coordinamento nazionale chiede al Governo di credere nelle fusioni

Il coordinamento nazionale chiede al Governo di credere nelle fusioni

Lo staff tecnico di FCCN – il Coordinamento Nazionale da anni attivo a sostegno delle fusioni tra comuni – composto dai dott. Federico Gusmeroli, Luca Beccaria, Andrea Amaranda e diretto dal Professor Luigino Sergio, avvalendosi delle analisi messe a disposizione dai ministeri degli interni e dell’economia, ha redatto un’ approfondita analisi sugli effetti delle fusioni tra comuni tesa a dimostrare che per lo Stato i contributi incentivanti non sono una spesa ma un ottimo investimento.

Il Presidente nazionale di FCCN, Antonello Barbieri, ha dichiarato in una nota: «La geografia amministrativa del Paese evidenzia enormi criticità, sprechi, inefficienza, iniquità.

MENO COMUNI, LO STATO RISPARMIA E I CITTADINI VIVONO MEGLIO

Invece le fusioni – e il nostro studio lo dimostra – contribuiscono a legislazione vigente e senza aggravio di spesa a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Siamo certi che il Governo e il Parlamento sosterranno i percorsi di fusione accogliendo le nostre proposte».

«I SINDACI – continua Barbieri – specialmente nei comuni medio-piccoli e quelli delle aree interne sono allo stremo, mentre le dimensioni delle nostre città sono enormemente sotto la soglia ottimale, il raggiungimento della quale, potrebbe consentire crescita e sviluppo anche attraverso il sostegno europeo. E’ indubbio che incentivare la crescita di micro enti comunali sia funzionale allo sviluppo socio-economico di tutto il Paese».

Commenta

commenti