Home / Attualità / 71° anniversario della liberazione: 25 aprile 1945-2016

71° anniversario della liberazione: 25 aprile 1945-2016

franco-filaretoLa Resistenza e la Lotta Partigiana hanno cambiato la storia del Nostro Paese.
L’ITALIA DEMOCRATICA REPUBBLICANA e le sue ISTITUZIONI sono figli di quella storia. Le libertà collettive e individuali, sancite dalla Costituzione, sono il risultato del sacrifico di tante donne e uomini, che, a rischio della propria vita, hanno permesso a noi tutti di goderne.
Tocca a noi e alle future generazioni difendere questi valori, sanciti dalla Costituzione, da ogni attacco neo-fascista e da ogni forma di neo-autoritarismo.
Tocca a noi impedire che l’intolleranza e il razzismo prevalgano sulla civile e necessaria convivenza tra uomini diversi per etnia, credo, cultura.
Tocca a noi fare MEMORIA ed esprimere RICONOSCIMENTO e RICONOSCENZA nei confronti di quei Rossanesi che contribuirono, a rischio della propria vita, alla Resistenza e alla Liberazione dell’Italia dal fascismo e dal nazismo, perché è la memoria che ci salva dalla dimenticanza e dalla morte, è la memoria che ci garantisce – soprattutto ai giovani – il diritto e il dovere di sapere e capire per evitare che possano ripetersi gli errori e gli orrori del passato: Francesco Acri; Antonio Aloe; Antonio Ceravolo (ucciso dai nazisti a 18 anni); Giuseppe Berlingieri; Francesco Bugliari; Raffaele e Michele Cariati (medaglia d’argento al valor partigiano); Giovanni Bruno; Francesco Cara; Umbriano Corrado; Antonio Cozza; Roberto “Umberto” Curti; Espedito e Salvatore “Marco” De Simone (capo-partigiano in Toscana e in Emilia); Giuseppe e Vittorino Federico; Isidoro Figoli; Giuseppe Forciniti (medaglia di bronzo al valor partigiano); Giuseppe Gagliardi; Francesco Giardino; Bonifacio Giudiceandrea; Giuseppe Granata; Giuseppe e Mario Graziani; Carmine Greco; Francesco Guglielmini; Giovanni Longobucco; Egilberto Martire; Francesco Milito; Luigi Mercogliano; Amerigo, Gregorio e Maurizio Minnicelli; Donato Mungo; Giuseppe Nicastro; Giuseppe Novelli; Luigi Palopoli; Arnaldo Masaniello e Giovanni Pettinati; Giuseppe Piacentino; Giovanni Piatti; Gianbattista Pisani; Giuseppe Raho; Umberto e Vincenzo Renzo; Domenico, Giuseppe, Guglielmo e Stefano Rizzo; Cesare Rossi (martire della violenza fascista); Gennaro Scorza; Eugenio Sergio; Francesco Tocci; Mario Uva; Giovanni Verso; Aldo e Giannino Zagarese; Antonio Zangaro.

Tocca a noi impegnarci per impedire che mafia e criminalità organizzata si approprino del nostro territorio, impedendone la crescita e lo sviluppo economico, rendendo le popolazioni subalterne alla paura delle minacce e delle violenze.
Tocca a noi, attraverso un forte impegno civico, sociale, culturale e politico, impedire il degrado delle Istituzioni e quello politico dei partiti, soprattutto nel Mezzogiorno, esprimendo indignazione e contrasto alla corruzione, ai comitati di affari, a ogni tentativo di stravolgere la Costituzione democratica e di negare ai cittadini di scegliersi i propri rappresentanti in Parlamento, alle politiche neo-colonialiste e anti-meridionaliste e agli scippi devastanti che stanno impoverendo le famiglie e il nostro territorio.
Tocca a noi sostenere e incoraggiare quei cittadini esemplari che sanno testimoniare i valori della democrazia e dell’antifascismo, che testimoniano coraggio civico reattività e speranza, che dimostrano coerenza ed etica pubblica, che hanno onestà-autorevolezza-esperienza- competenza, che sono risorse per la città e il territorio, al fine di arrestare il declino del nostro territorio e restituirgli il maltolto e la dignità.
Tocca a CIASCUNO di noi non lasciarsi dominare dalla rassegnazione e non dimettersi da cittadino, viceversa, a fare la propria parte, partecipando alla vita pubblica e manifestando passione civile e democratica, per contribuire a costruire una società più giusta, per affrontare la “Questione Meridionale”, la questione dello sviluppo economico, la questione del lavoro, la grave questione di Rossano e della Calabria del Nord-Est, umiliate e offese negli ultimi anni.
Tocca a CIASCUNO di noi, infine, di fronte alla difficile crisi economica e finanziaria dell’Italia, dare speranza e coraggio ai tanti giovani delusi e preoccupati del proprio avvenire.
Associazione Nazionale Partigiani d’ Italia              Associazione “25 Aprile–Marco De Simone”
(A.N.P.I.) Rossano                                                                            Rossano
(Francesco Filareto)                                                                      (Natale Vulcano)

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*