Home / Breaking News / Cariati: laboratorio analisi a singhiozzo causa mancanza di personale

Cariati: laboratorio analisi a singhiozzo causa mancanza di personale

CariatipulitaDiverse segnalazioni ci giungono dal Punto di Primo Intervento di Cariati, dove il Laboratorio di analisi soffre una forte carenza di personale. Il tutto con evidenti disagi per i pazienti.

Da ormai un po’ di tempo a questa parte persiste una grave situazione di disservizio al Punto di Primo Intervento di Cariati. In alcuni casi urgenti che lo necessitano, i medici non possono richiedere gli esami ematici essenziali al laboratorio di analisi. I pazienti in cerca di risposte urgenti, dovranno recarsi al Pronto Soccorso più vicino di Rossano o Crotone in quanto il laboratorio analisi del PPI di Cariati non sempre è aperto, causa mancanza di personale che garantisca la reperibilità. Ma la cosa grave è che si perpetua da più di un anno ed ora si è aggravato con la quiescenza dell’ultimo medico. Gli esami si fanno, ma si hanno carenze di notte e in qualche festivo. Il tutto a causa, come detto, della mancanza di personale che garantisca la reperibilità di notte e nei festivi.

SU ALCUNI REFERTI SERALI E’ SCRITTO: “LABORATORIO ANALISI CHIUSO”

È palese che con un laboratorio analisi che funziona parzialmente, quello che era un PS e ora è un PPI presenta evidenti elementi di disagio. Il decreto sulla rete dei laboratori analisi prevede che Cariati diventi solo un punto prelievo, mentre il PPI e l’RSA-M siano forniti di un’apparecchiatura detta POCT programmabile per eseguire gli esami necessari al reparto ove viene ubicato. Oppure, nel frattempo, si deve provvedere a garantire personale reperibile per eseguire gli esami. Inutile sottolineare la perdita di tempo fondamentale per chi si reca con i propri mezzi nel Ppi. Attualmente c’è una apparecchiatura nel PPI con la quale si possono analizzare solo la troponina per l’infarto, oltre all’emoglobina ed elettroliti. Non è possibile, ad esempio, fare un normale emocromo. Negli ultimi tempi si stanno ripetendo i casi di pazienti che dopo le cure necessarie e dopo le ore 20 vengono invitati a recarsi con mezzi propri presso altri ospedali per “completamento diagnostico” con la segnalazione che “il laboratorio di analisi è chiuso”.

DALLE 14 IN POI SI RISCHIA DI NON POTER FARE ANALISI

Il problema, quindi, è la mancanza di personale o anche la non ottimale organizzazione dei turni. Vengono garantiti i prelievi e gli esami ordinari con personale che copre essenzialmente i giorni feriali fino alle 14. Poi in base al personale disponibile si copre con reperibilità tutti gli altri turni: pomeriggio, notte e festivi. Spesso il Laboratorio analisi rimane chiuso e il medico deve inviare il paziente a Rossano con intasamento del PS di Rossano. Sarebbe necessario, quindi, sbloccare i concorsi per assunzioni di personale e magari anche una migliore gestione del personale esistente.

Commenta

commenti