Home / Attualità / 14mila studenti senz’aula in Calabria, ritorno in classe a rischio

14mila studenti senz’aula in Calabria, ritorno in classe a rischio

L’allarme dell’Ufficio scolastico regionale nel corso del vertice alla cittadella sulla riapertura delle scuole in presenza. All’incontro oltre all’assessore regionale i responsabili di Upi, Anci, sindacati e le associazioni Fisch e Comitato Uniti per l’Autismo

calabriaContinua a ritmi serrati la programmazione di quello che sarà l’inizio del nuovo anno scolastico, tra pandemia, contagi e la necessità di garantire altissimi livelli di sicurezza. Una matassa difficile da sbrogliare, soprattutto in Calabria, alle prese da tempo con diverse criticità a cominciare dalla situazione in cui versano gran parte degli edifici scolastici. E dopo il vertice di ieri sulla scuola, convocato dai Ministri Azzolina, Speranza, Provenzano, Boccia e De Micheli, con gli assessori regionali all’Istruzione e i presidenti regionali, l’assessore all’istruzione della Calabria Sandra Savaglio ha presieduto in Cittadella il tavolo con Usr, Upi, Anci, sindacati e le associazioni Fisch, rappresentata dalla presidente Nunzia Coppedè, e Comitato Uniti per l’Autismo rappresentate da Paola Giuliani.

Collegata in videoconferenza l’assessore regionale ai trasporti Domenica Catalfamo e il presidente Fand Calabria, Maurizio Simone. Presente anche Lidia Arcuri, responsabile dell’Agenzia del Demanio, soggetti da poco coinvolti a livello nazionale per tentare di reperire nuovi spazi per le scuole, la quale ha confermato la disponibilità a interloquire con gli Enti locali. Sono intervenuti inoltre la sindaca di Vibo Valentia Maria Limardo, alcuni dirigenti e assessori all’istruzione e all’edilizia scolastica delle Province e dei Comuni.

I DATI A preoccupare però sono i numeri, quelli presentati dalla dirigente Rosanna Barbieri, responsabile dei tavoli tecnici per l’USR Calabria. Secondo gli ultimi dati forniti, infatti, l’ultimo monitoraggio delle scuole resta ancora allarmante: circa 14.000 ancora gli studenti calabresi ai quali non si riesce a garantire un’aula per il ritorno in presenza. Durante la riunione sono state affrontate una serie di necessità partendo dal dare risposte sul piano della didattica in presenza. Si è parlato del reperimento di locali agibili nel breve periodo, di affiancare i ragazzi con disabilita e autistici (che risultano essere 1 su 77) con personale specializzato già dal primo giorno di scuola, senza dimenticare l’assistenza domiciliare. Sul tavolo del confronto anche il sistema trasporti che già dal 13 settembre dovrebbe ripartire a pieno regime e con il potenziamento del trasporto scolastico su ferro e gomma.

Fonte: Corriere della Calabria https://www.corrieredellacalabria.it/regione/item/261232-ritorno-in-classe-a-rischio-in-calabria-ancora-senza-aula-14mila-studenti/


Commenta

commenti